fbpx
Close
Type at least 1 character to search
Torna su

3 libri che abbiamo letto a maggio6 min read

Tre libri che abbiamo letto a maggio

Un manuale sulla noia che fa proprio al caso nostro, Islanda e il ritorno di uno dei nostri autori preferiti.

di Siamomine

Forse non esiste un mese migliore di maggio per leggere dei bei libri durante i pomeriggi di primavera. Forse, in generale, non esiste un mese migliore di maggio, ma questo è un altro discorso.

Probabilmente la tripletta dei libri consigliati ad aprile, è stata la migliore da quando abbiamo iniziato a tenere questa rubrica, senza nulla togliere alle precedenti. Tuttavia, anche quella di questo mese si difende bene. Le parole d’ordine di questo mese sono: post-esotismo, illuminismo nordeuropeo e, soprattutto, noia.

Un manuale con esercizi pratici per tornare ad annoiarci

Come annoiarsi meglio – Pietro Minto (Blackie)

Pietro Minto è un autore che conosciamo bene, soprattutto per la sua newsletter “Link molto belli” alla quale siamo iscritti praticamente dal giorno zero. Questo suo manuale in uscita per Blackie Edizioni il 20 maggio, non è soltanto divertente, ma anche utile per tornare a compiere un’attività troppo spesso vista in chiave negativa dalla nostra società: annoiarci. Ogni istante il nostro tempo viene minacciato da tutte le parti, come se lasciare uno spazio vuoto fosse un peccato mortale o uno spreco di capitale. Questo libro prova a farci riflettere e riappropriare della noia, anche con dei simpatici esercizi pratici.

Leggi anche:  Schedule Time
La cover del libro di Pietro Minto intitolato "Come annoiarsi meglio".

Un altro capolavoro del padre del post-esotismo

Streghe Fraterne – Antoine Volodine (66thand2nd)

Antoine Volodine è uno degli autori più geniali e inclassificabili dell’epoca contemporanea. Lo abbiamo amato in romanzi celebri come Terminus Radioso e in Sogni di Mevlidò, pubblicati dalla stessa casa editrice di Streghe Fraterne, un romanzo che conferma il talento e la visione fuori scala dell’autore francese, che firma un trittico – spesso pubblica romanzi sotto altri pseudonimi – fatto di personaggi femminili atipici e in rotta di collisione con la società. Di più è difficile dire, Volodine va letto più che recensito.

La cover del libro di Antoine Volodine intitolato "Streghe fraterne". La copertina mostra un'illustrazione di una prateria con tre figure all'orizzonte su un cavallo

Un romanzo illuminista contemporaneo

La fonte della vita – Bergsveinn Birgisson (Iperborea)

Come tutte le persone ragionevoli, abbiamo una fascinazione infinita verso qualsiasi cosa che abbia a che fare con il Nord Europa. È il motivo per il quale siamo grandi fan di Iperborea, casa editrice specializzata in materia, della quale dobbiamo forzarci a non mettere ogni mese un libro, per non sembrare degli stalker. Questo romanzo però contiene assieme troppe cose che ci piacciono per non essere consigliato: l’Islanda del Settecento, l’epopea illuminista di un rampollo danese, il mito dell’esplorazione e l’intelligente critica indiretta alle contraddizioni del nostro mondo presente.

Leggi anche:  Iosonouncane, Cosmo e altri dischi belli usciti questo mese
La cover del libro di Bergsveinn Birgisson intitolato "La fonte della vita" con un'illustrazione di un paesaggio notturno con un fuoco che si innalza al cielo e una luna rossa
DylaramaIscriviti alla newsletter

Dylarama è una newsletter settimanale gratuita, che esce ogni sabato e raccoglie una selezione di link, storie e notizie su un tema che ha a che fare con tecnologia, scienza, comunicazione, lavoro creativo e culturale.