fbpx
Close
Type at least 1 character to search
Torna su

10 libri che abbiamo letto nel 20208 min read

10 libri che abbiamo letto nel 20208 min read

Un po' di letture consigliate, tra le uscite di quest'anno.

Dopo i podcast che ci hanno svoltato il 2020 e un po’ di dischi da recuperare, concludiamo con i libri il nostro breve e immancabile excursus nelle liste di fine anno. Abbiamo scelto dieci libri tra quelli usciti in quest’anno così faticoso ma se non altro pieno di letture nelle quali abbiamo trovato fugaci momenti di pace.
Come noterete, sono tutti libri stranieri che sono stati tradotti in Italia nel 2020, ci è sembrato più omogeneo lasciare la lista con questo criterio quasi involontario e focalizzarci su autrici e autori italiani nei consigli mensili che riprenderanno da gennaio. Cliccando sull’immagine della copertina vi rimandiamo alla sito della rispettiva casa editrice per approfondire o acquistare con i metodi che preferite.

Pechino Pieghevole,
Hao Jingfang
(Add Editore)

Una raccolta di racconti che sono stati definiti “ultra-irrealisti” ma che in realtà estremizzano alcuni degli aspetti più inquietanti della società contemporanea in cui viviamo.

Traduzione di Silvia Pozzi.

Primavera,
Ali Smith
(Edizioni Sur)

Il terzo romanzo della tetralogia che segue lo scorrere delle stagioni, di una delle nostre scrittrici preferite in assoluto. Si possono leggere senza un ordine preciso, ma Primavera è un pretesto per consigliarvi anche AutunnoInverno e aspettare insieme l’arrivo di Estate nel 2021.

Leggi anche:  3 libri che abbiamo letto a giugno

Traduzione di Federica Aceto.

Tempo Variabile,
Jenny Offill
(NN Editore)

Una lettura relativamente breve e che sicuramente si consuma in fretta, di un’autrice statunitense tra le più brave a giocare con le tematiche attuali e a ricamarle su uno sfondo di riflessione interiore e emotività.

Traduzione di Gioia Guerzoni.

Topeka School,
Ben Lerner
(Sellerio)

Questo romanzo che attendevamo da tempo è uscito agli albori del lockdown di marzo, ricordiamo perfettamente di averlo acquistato nel pieno dell’incertezza e del disorientamento. È uno dei libri più belli degli ultimi anni e, nonostante probabilmente non sia il migliore tra quelli pubblicati sinora da Ben Lerner, è certamente la sua opera più maturo e completa.

Traduzione di Martina Testa.

L’ordine nascosto,
Merlin Sheldrake
(Marsilio)

Anche se ne abbiamo già parlato nell’edizione numero 17 di Dylarama, questo saggio non poteva mancare nella lista di fine anno. Si tratta senza dubbio del saggio scientifico più coinvolgente e sorprendente del 2020.

Leggi anche:  Le ragazze del nuovo cinema indipendente

Traduzione di Anita Taroni e Stefano Travagli.

La valle oscura,
Anna Wiener
(Adelphi)

Una lettura che probabilmente non svelerà nulla di nuovo a chi è già avvezzo e informato su quello che accade nella Silicon Valley, ma comunque imprescindibile per appassionati e addetti ai lavori. In alternativa, un ottimo memoir per chi vuole incominciare.

Traduzione di Milena Zemira Ciccimarra.

Il tempo e l’acqua,
Andri Anær Magnason
(Iperoborea)

Un reportage narrato e un’analisi scientifica in prima persona, tipica dei volumi portati in Italia da Iperborea e che ci piacciono tanto. In questo caso il tema è il cambiamento climatico, lo scioglimento dei ghiacciai nello specifico, visto da chi i ghiacciai ce li ha dietro casa e li vede scomparire.

Traduzione di Silvia Cosimini.

Brevemente risplendiamo sulla terra,
Ocean Vuong
(La Nave di Teseo)

Mi sa proprio che questa è la rivelazione dell’anno di un autore di cui sentiremo parlare a lungo. Dopo gli esordi come poeta, Vuong pubblica con un romanzo di autofiction dall’incredibile spessore e che mette in gioco emozioni profonde.

Leggi anche:  L'incubo del lavoro dei sogni

Traduzione di Claudia Durastanti.

L’evoluzione della bellezza,
Richard O. Prum
(Adelphi)

La collana Animalia di Adelphi ha un posto di tutto rispetto nel nostro cuore, tra i due saggi usciti nel 2020, L’evoluzione della bellezza è quello che offre più spunti di riflessione e parallelismi al di fuori del regno animale.

Traduzione di Valentina Marconi.

Questa strana e incontenibile stagione,
Zadie Smith
(Edizioni Sur)

Zadie Smith è un’altra autrice della quale non possiamo fare altro che consigliare qualunque cosa abbia mai scritto. In questo caso si tratta di una raccolta di saggi scritti durante la primavera del 2020 – e che dunque hanno sullo sfondo quello che è accaduto negli Stati Uniti e nel resto del mondo fuori dalla finestra – con l’intento di utilizzare la stretta attualità per sfociare sul senso dell’esistenza.

Traduzione di Martina Testa.

DylaramaIscriviti alla newsletter

Dylarama è una newsletter settimanale gratuita, che esce ogni sabato e raccoglie una selezione di link, storie e notizie su un tema che ha a che fare con tecnologia, scienza, comunicazione, lavoro creativo e culturale.